Da ” Selvaggia Saudade “

๐ด๐‘™๐‘™’๐‘–๐‘š๐‘๐‘Ÿ๐‘ข๐‘›๐‘–๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘š๐‘œ๐‘Ÿ๐‘š๐‘œ๐‘Ÿ๐‘Ž_
[ ๐‘ ๐‘Ž๐‘ข๐‘‘๐‘Ž๐‘‘๐‘’ ๐‘‘๐‘– ๐‘š๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘’ ]
รจ ๐‘ก๐‘’๐‘š๐‘๐‘œ ๐‘‘๐‘– ๐‘Ÿ๐‘–๐‘ ๐‘๐‘Ž๐‘™๐‘‘๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘™’ ๐‘Ž๐‘š๐‘œ๐‘Ÿ๐‘’โ€ฆ

Copyright 2020′ Maria Petrungaro






Qui, Il suono dell’ ombra, per gli appassionati di parole…

Glicine immortale

| Eโ€™ il mio sogno cullarti

fra le mie braccia

fare di te la mia ossessione,

svegliarmi e guardarti mentre dormi,

sogni

e chissร  quali mari navigherai,

quali monti scalerai.

Ed io al tuo fianco

avrรฒ anima di ferro

coraggio di leone.

Coltiverai il mio glicine immortale,

il simbolo del nostro amore

eterno

che va lontano

senza girarsi,

senza ombre di dubbi,

solo un oceano infinito da osservare

insieme.

Sorsi di vita

Odo bacco, 
letizie
e suon di gran festa,
una cantina in musica 
nella valle di una stagione in fermento.
Spezie di opere dโ€™arte,
coppe magiche nei giardini dellโ€™uva in fiore,
nellโ€™aria tintinnii di calici freschi.
Svetta il sole sugli sguardi,
un meraviglioso bouquet di profumi
inonda finestre di mille colori.
Sorsi di vite,
di mille euforie,
brindisi a nuovi orizzonti,
un raggio di primavera perenne.

Sorsi di vita, di Maria Petrungaro